lunedì 29 aprile 2013

MATRIOSCA

Una matrioska o matriosca è un caratteristico insieme di bambole, tipico della tradizione russa, che si compone di pezzi di diverse dimensioni realizzati in legno, ognuno dei quali è inseribile in uno di formato più grande. Ogni pezzo si divide in due parti ed è vuoto al suo interno, salvo il più piccolo che si chiama seme. La bambolina più grande si chiama invece madre.”


Al rientro dal suo viaggio in Russia, Mr. F. ha portato con sè questa matriosca.

Una famiglia di bambole. Una dentro l’altra. Una che contiene l’altra.

A me viene sempre da pensare ad una catena, al più grande che guarda al più piccolo.


Così, in cerchio, le trovo più belle.

Verranno con noi in Inghilterra. Sono ricordi di viaggi fatti e tutti i ricordi viaggiano con noi. Belli e brutti.

Una cosa non capisco. Perchè la bambola piccola è senza piedi! Che i russi se ne siano dimenticati?


Anche il Grande e la Piccola hanno ricevuto in dono una loro matriosca dal viaggio del papà … A me non piace, ma loro hanno apprezzato. E allora non potevo non mettere una foto.




venerdì 26 aprile 2013

In quel di NOTTINGHAM...

  Siamo qua, io e Mr. F. a cercare casa, a guardare le scuole per il Grande e avere una piccola idea della nostra vita futura.

Un concentrato di due giorni di posti, odori e colori diversi dai nostri.

Non vivremo in Nottingham città, abbiamo scelto una cittadina molto vicina, accogliente, residenziale e a formato di famiglia.


Piccoli assaggi

Uno dei tantissimi parchi

Case inglesi … e tra queste c'è anche la nostra!

Il centro della cittadina

Il fiume e la passeggiata
Non è stato semplicissimo atterrare qua e guardare questo paese con occhi diversi, non vacanzieri… it’s our future life!
PS: Non l'ho fotografata, ma c'è una biblioteca FANTASTICA
E Nottingham, come sarà?


mercoledì 24 aprile 2013

ROBIN HOOD



Robin Hood e Little John corron come frecce

saltano sugli alberi e spiccan quasi il vol.

Devono salvarsi e alla fine ci riescono,

urca urca tirulero oggi splende il sol.

Senza alcun dubbio la leggenda di Robin Hood narra una storia affascinante. 
Ricchi e poveri. Archi e frecce. Foreste. Castelli e battaglie. Fuorilegge.

Il Grande è sempre molto attento quando racconto questa storia e milioni di volte ha visto il cartone animato che la Walt Disney ha prodotto nel 1973. E’ un must.

I personaggi sono divertenti e chi meglio di una volpe poteva interpretare il nostro eroe?

Ecco come lo vede il Grande.


Non si capisce benissimo, ma la scritta è “Robin Hood” e noterete anche due elementi essenziali senza i quali non è possibile essere fuorilegge. Il cappello verde sulla R e l’arco con freccia tra la 0 e la B.


In Nottingham avremo modo di travestirci più e più volte in seguaci di Robin.

lunedì 22 aprile 2013

The CROODS


Spassoso. Esilarante. Divertente.


Un sabato pomeriggio di pioggia è il tempo ideale per un cinema con il Grande. La nostra scelta è caduta sul film di animazione che c’è nelle sale in questo periodo. The Croods
Mamma andiamo a vedere quelli vestiti un po’ sì e un po' no. Come si chiamano? Quelli della preistoria…



Ci siamo divertiti tantissimo! 
Nella sala, quasi tutta piena, non ho capito se ridevano di più i papà e le mamme o i più piccoli.

The Croods è la storia di una Famiglia che deve vedersela con la paura, con un terremoto che distrugge la loro caverna e con un ragazzo intraprendente e coraggioso che vuole scoprire cosa il domani gli vuole offrire.
Cari papà preparatevi a cambiare idea e a mollare un poco la presa...


Il Grande da due giorni si è trasformato nel personaggio che più lo ha divertito. Ognuno sceglie il proprio. Il suo è Laccio. Ed è un continuo cantare “Tatataa!”




E come ogni cinema che si rispetti non ci siamo fatti mancare proprio niente!



venerdì 19 aprile 2013

LEZIONI


Ogni venerdì sera abbiamo un ospite. Entra in casa e cerca subito il Grande.
“How are you?”
“Fine, thank you!”
Questo è quello che accade ora. All’inizio delle nostre lezioni di inglese le risposte del Grande erano molto più divertenti.
“Che vuoi?”
“Giochiamo!”
“Sono in cameretta”
“Maik, tank iou”

Ma alla fine siamo arrivati a formulare la giusta risposta!

La Piccola dal canto suo ride, corre in cameretta e vorrebbe stare lì a giocare anche lei.
Vorrebbe sedersi proprio in mezzo a disturbare e a seguire, anche lei, la sua lezione


Io, dopo il primo saluto, mi metto in cucina e preparo la cena.
Ovviamente con l’orecchio teso.
E quello che sento è ancora più divertente. Due persone a confronto.
Una che non dice una parola di italiano e l’altra che non dice una parola di inglese.
Si sentono le due lingue mischiarsi, giocare, domandare e rispondere. Sembra viaggino su due binari paralleli. 
Eppure qualcosa succede e la conoscenza si intreccia. C’è chi impara un po’ di italiano e chi impara un po’ di inglese.

E il Grande, dopo l’ultima lezione, è venuto da me per dirmi “Mamma, Alligator!”
Qualcosa passa, qualcosa resta.



giovedì 18 aprile 2013

HAPPY BIRTHDAY


Solamente GRAZIE


mercoledì 17 aprile 2013

PAESE CHE LASCI (Seconda parte...)




Quest’anno è timida, ma sta arrivando. Primavera.

I fiori qua intorno iniziano a riempire i vialetti, le aiule, i giardini e noi ci innamoriamo nuovamente del nostro paesino.

Basta davvero poco, un raggio di sole ed il gioco è fatto.

Questa è la nostra strada di Pollicino e un pezzetto di parco.

Ci piace passeggiare e ci piace fermarci ad osservare. 
La primavera aiuta perché è accogliente, scalda ma non troppo e regala giornate più lunghe. 
Le strade, le piazze e i parchi si popolano e se ti trovi in giro per il paese intorno alle quattro del pomeriggio ti trovi sommerso da bambini. Spuntano da ogni dove!

Un parco, una vecchia cava, la zona della piscina, il Comune, i vialetti…
 
Nel nostro giardino condominiale in queste ultime settimane troviamo tanti fiori, di ogni tipo e di ogni colore.

Il Grande li guarda, vorrebbe strapparne qualcuno, ma non osa. Sono belli lì, sulla pianta. 
La Piccola li guarda, allunga le mani e quando sono voltata dall’altra parte, zac …preso…

Adoriamo camminare anche la sera, quando il buio non è ancora spaventoso e un dopo cena in bicicletta o con il monopattino è davvero speciale. 
Se poi si prende un gelato il gioco è fatto.

Il Grande lo chiede spesso... e chi non lo farebbe.




domenica 14 aprile 2013

PACCO (seconda parte...)


Il pacco chiuso è durato 20 secondi scarsi. Il tempo di due foto, forse tre.
Il Grande si è fiondato sul cartone distruggendolo a tempo di record. E dentro ha trovato un altro pacco, e poi un altro e un altro ancora ... Incredibile!

3 DVD di Peppa Pig. Fantastici. Inglese perfetto, facile da capire, molto lento e ideale per l'apprendimento. Non solo dei più piccoli.
From Head to Toe. Impariamo le nostre parti del corpo insieme agli animali.


ABC. Anche l'alfabeto vuole la sua parte.
Flashcard. Impariamo quante più parole possibili. Parole di tutti i giorni che incontriamo in casa, a scuola, al supermercato, per strada e al parco. 

Per la Piccola invece è rimasta tanta carta da sminuzzare, appallottolare, strappare. E per lei è stato il massimo del divertimento di quel pomeriggio.




E poi libri e libri e libri che leggiamo e rileggiamo alla sera. 
C'è ancora tutto un mondo da scoprire.
E una libreria da riempire!