venerdì 23 agosto 2013

La STATUA


Nottingham. La città dello sceriffo.
Lo sceriffo di Nottingham che passava le sue giornate a chiedere ai cittadini “tasse, tasse e ancora tasse”.
Tutti lo conoscono.

Ma nella città di Nottingham si trova la statua di Robin Hood, che la legenda narra rubasse ai ricchi per dare ai poveri.



Proprio accanto al castello, al di fuori delle mura, c’è una piazzetta con la statua del fuorilegge.
Simbolo della città.
Eroe di tutti i bambini.

In questa piazza si narra tutta la sua storia.
Al centro c’è lui, Robin.
Attorno si trovano altre statue minori. Robin con Lady Marian, con Little John e con Fra Tac.



Lungo le mura del castello dei bassorilievi raffigurano e narrano tutta la sua storia.
Questa è la zona preferita del Grande.
Non so perché ma quando andiamo in città, si ferma tanti minuti davanti a questi bassorilievi.
Gli piacciono.

Il primo a sinistra rappresenta la classica scena del ponte. Robin Hood contro Little John.
Al centro un combattimento nella foresta di Sherwood.
A destra il matrimonio tra Robin Hood e Lady Marian.

Ma il bassorilievo preferito dal Grande è l’ultimo.
Quello in cui Robin Hood scocca la sua ultima freccia e, in punto di morte, chiede di essere seppellito nel luogo in cui la freccia tocca terra.

E così, ogni volta che andiamo in centro città, si deve passare da qua.
A fare un saluto e a fantasticare un poco.




Nessun commento:

Posta un commento