lunedì 5 agosto 2013

NEWSTEAD ABBEY e la cittadina di LINBY


Altra gita domenicale.

L’Inghilterra ci sta regalando delle giornate di sole incredibili.

Come meta scegliamo l’Abbazia di Newstead e la cittadina di Linby al nord di Nottingham.



Newstead Abbey è situata in un parco molto bello ed è aperta ai turisti.

Gli orari di apertura però, purtroppo, non coincidono con i nostri.

Una bandiera inglese è sulla torre in bella mostra. Sventola per ore.



Dall’Abbazia parte il nostro percorso circolare di tre ore.

 E anche questa volta il Grande cammina senza mai un lamento meravigliandosi di ogni piccola cosa.



Proprio di fronte all’abbazia, sulle sponde di un piccolo lago popolato da cigni, oche e anatre si trova una casa privata.

Un po’ da sogno. I proprietari di tutto il parco.

Chissà forse discendenti del poeta Byron che, in origine, era il proprietario della zona.



Proseguendo il cammino raccogliamo di tutto, piume, pigne, sassi e anche una pallina da golf.

Tutto materiale utilissimo per i nostri lavoretti pomeridiani per i giorni di pioggia.



La strada sale su una collina e la Piccola scende dallo zaino portabebè che ha sulle spalle Mr F. e seguendo il fratello cammina anche lei. 
Corre, ride, cade. Le piace un mondo.

Il nonno, arrivato dall’Italia, è con noi.

La gioia dei bambini.




Tra un campo e l’altro ogni tanto si vedono cottage nascosti tra gli alberi e capiamo quanto sia vero il detto inglese che dice:



My House, my Castle’

(La mia Casa, il mio Castello)



Se ne vedono di meravigliosi.


In cima alla collina troviamo uno spiazzo con un monumento.

Un’insegna in legno riporta un martello, una pala e un piccone dipinti di rosso.

Accanto troviamo un martello alto quasi tre metri con uno scoiattolo in ferro, un piccone con una farfalla e una pala con un uccello.

E sotto la spiegazione.

Sotto la collina, anni e anni fa, c’era una miniera.

Martello, Pala e Piccone ne sono il simbolo.

Ora la natura ha ripreso il suo posto e gli animali (Scoiattolo, Farfalla, Uccello) hanno ripopolato la zona e ne sono diventati i nuovi padroni.



Dopo la collina distese e distese di grano.

Giallo. Dorato.

Con qualche macchia rossa. Papaveri.

Sono immense e il nonno inizia a raccontare di tempi passati.

Il Grande e la Piccola ascoltano, imparano, scoprono e sperimentano.

Noi con loro.

Apriamo le spighe, impariamo i nomi di ogni loro singolo componente.

Una lezione a cielo aperto.





A metà percorso arriviamo in un paesino, Linby.

Poche case molto curate.



Accanto ad una casetta bianca un anziano signore sta curando le sue rose.

 Che attenzione.

Ci chiama e capiamo che ha voglia di raccontare. Una vita.

Gli facciamo compagnia mentre ci narra di sé, della moglie, dei loro sessant’anni di vita insieme. La loro vita vissuta all’interno di un unico miglio. Linby.



Ci congediamo e pranziamo al pub. Horse & Groom.

Un pub bianco, ricco di fiori, con al suo interno un numero incredibile di stanzette. Una diversa dall’altra.




Ripartiamo.

Ci aspetta una chiesetta in mezzo al nulla. Solo prati e un cimitero che la circonda.

Di nuovo cammino e ritorniamo all’Abbazia da dove siamo partiti.

Stanchi.



Il cielo cambia in continuazione. Le nuvole hanno velocità diverse, ma sempre elevate.

Si potrebbe rimanere fermi anche solo per mezz’ora in un posto e dipingere un centinaio di cieli diversi.




2 commenti:

  1. Sarà banale dirlo, ma... questo posto è BELLISSIMO!!!
    E sei anche un ottima fotografa (o tuo marito, forse).
    good night

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono dei posti veramente meravigliosi, è proprio vero!
      E grazie ... le foto sono mie ... :)
      Good Night!

      Elimina