lunedì 30 settembre 2013

SBAGLIANDO SI IMPARA


Sbagliando si impara.

Quante volte ce lo hanno detto.

E questa volta è toccato a me. Un bello sbaglio culturale!



Due venerdì fa abbiamo invitato a casa nostra un compagno di classe del Grande con la sua mamma e suo fratello.

Io avevo preparato una bella merenda, sia dolce che salata non conoscendo le usanze, per il ritorno da scuola.

E’ stato un pomeriggio molto piacevole dove i bimbi hanno giocato bene al di là della lingua.

Alle ore 18.30 circa ci salutano e tornano a casa.



Venerdì scorso, lo stesso amico ha ricambiato invitandoci a casa loro.

Questa volta c’era anche un’altra mamma con un altro compagno di classe del Grande e il fratello.

Cinque maschietti e una femminuccia.

La Piccola.

La più piccola in tutti i sensi.

Ma si è integrata nei giochi benissimo!

Altro bel pomeriggio.



Appena tornati da scuola, la mamma del compagno del Grande ha distribuito gelati a tutti, torta e tè.

Però poi intorno alle 17.30: cena!

Cena?

Sì, cena per tutti i bambini.

Come si fa di solito.

Durante la settimana i bambini mangiano alle 17.30 da soli. I genitori mangiano poi per conto loro più tardi.



Sul tavolo c’erano diverse ciotole con vari ingredienti (prosciutto, mais, pomodorini, salsa di pomodoro e ananas) e la base per la pizza già pronta e cotta.

Ogni bambino ha preparato la propria pizza e infornato per 5 minuti.

Poi tutti a tavola!



Credo proprio di aver lasciato i bambini senza cena la scorsa volta!

Impareremo anche i diversi orari inglesi.


PS: Il Grande è stato l’unico a non aver messo l’ananas sulla pizza!

1 commento:

  1. Va bene tutto...ma l'ananas sulla pizza no!!!!
    Paola ;-)

    RispondiElimina