lunedì 9 settembre 2013

VISITIAMO YORK (parte 1)


Torniamo a York e cominciamo la visita della città.

Oggi mostriamo le mura cittadine e la Cattedrale, York Minster.



Le mura della città circondano tutto il centro storico e percorrono un anello interrotto ogni tanto da portoni d’ingresso.

In alcuni tratti il passaggio è molto stretto e un passeggino non riesce a passare.

Il nostro lo abbiamo dovuto chiudere per la felicità della Piccola a cui piace camminare e seguire il fratello in tutto quello che fa.

Vicino alle mura cittadine svetta la Cattedrale anglicana.

York Minster.

E’ uno degli edifici gotici più grande del nord d’Europa.

Ed è proprio grande, possente.




A noi è piaciuto molto più il suo esterno che il suo interno, ma sicuramente merita una visita.

Purtroppo però l’ingresso alla cattedrale, sebbene valga per 12 mesi, è un po’ caro rispetto a quello che è possibile visitare all’interno.

Avevamo scaricato da internet un fascicolo per bambini il cui scopo era quello di far trovare una serie di dragoni cinesi sparsi qua e là nella cattedrale.

Sulle vetrate, sulle tombe, sulle statue.

E’ partita così, con il Grande, una caccia al drago che ha lo appassionato un sacco.

Troppo forse perché la delusione è stata parecchia quando due dei dragoni non siamo riusciti a trovarli.

Ma cercate voi un dragone cinese su una vetrata di una cattedrale.

Non è un gioco da ragazzi!

York Minster rimane comunque favolosa dall’esterno.

Noi ne siamo sicuri.

Da ogni angolatura la si guardi.

Il secondo giorno ci siamo intrufolati in un piccolo giardino di una chiesa minore.

Ed erano lì, in fila. Una serie di rapaci che ci guardavano.

Uno dei gufi si è messo a bubolare “uuuhhh” e la Piccola improvvisamente “uuuhhh” e poi ancora il gufo e di nuovo la Piccola.

Non sappiamo cosa si siano detti, ma sono andati avanti un bel po’ prima di smettere.

Il Grande ha poi espresso un desiderio.

E dopo pochi minuti aveva sul braccio un rapace!

PS: Aggiornamento scuola.

Oggi terzo giorno, primo dopo il weekend.

Difficile.

E giusto per aumentare i gradi di difficoltà oggi due insegnati diversi: uno per educazione fisica all’aperto (c’è anche l’educazione fisica interna) e uno per spagnolo.

Oggi il Grande inizia a studiare lo spagnolo!







Nessun commento:

Posta un commento