lunedì 11 novembre 2013

SCHOOL for PARENTS



Venerdì scorso sono stata invitata ad un evento di beneficienza.

Uno di quegli eventi che io ho sempre visto nei film.

Casa molto graziosa adibita a negozio, tazze di tè, tazze di caffè, biscotti, torte.

Tante donne, tante mamme, tante casalinghe, tante lavoratrici.



Alle dieci del mattino ho bussato alla porta di questa casetta addobbata anche fuori con dei bunting color pastello.

Mi ha aperto Sarah, la mamma di un compagno di classe del Grande.

Sarah ha un figlio di tre anni che ha un ritardo motorio e che ha imparato a camminare da qualche mese.

Sarah è una delle prime mamme che mi ha accolta ed è la mamma che, quando è venuta a casa mia, ha sorriso con gentilezza quando ho lasciato i suoi figli senza la cena delle 17.30.



Sarah frequenta l’associazione “School For Parents” di Nottingham.

Un’associazione che aiuta le famiglie con bimbi disabili.

Un grande aiuto, anche psicologico, per non far sentire spaesate e sole queste famiglie che hanno tante prove quotidiane da affrontare.

Sarah ha organizzato questo evento di beneficienza per raccogliere fondi.

E l’ha organizzato benissimo.


La sua casa si è trasformata venerdì mattina per accogliere tanta gente, ma veramente tanta.
C’erano gioielli, cartoline, sciarpe, tazze, quadri, cuscini, borse e molto altro sparso in modo studiato per tutto il suo pian terreno.
Il tavolo della cucina ospitava poi un buffet di torte e biscotti.
E tè e caffè.
Tutto curato nel minimo dettaglio.
I prezzi degli oggetti, molto molto carini, erano tutti abbordabili.

Sono arrivata, ho curiosato per questo piccolo shop, ho preso un tè con latte sul divano e una fetta di torta per Sara.
Io ho fatto quattro chiacchiere con le altre mamme presenti e Sara ha giocato con gli altri bambini.
Ho scelto il mio bottino, ho salutato e sono tornata a casa.
E’ stata una mattina molto bella. 

Il pomeriggio ho trovato Sarah alla scuola del Grande e mi ha detto che hanno raccolto circa 280 sterline dalla vendita degli oggetti e altre sterline, non ricordo quante, raccolte come donazione per le torte e il caffè e il tè.

Si rifarà.




Nel video di presentazione c’è anche Sarah con il suo bimbo.

1 commento:

  1. questa scuola per genitori è un'iniziativa che trovo interessante e di grande aiuto ai genitori. Il problema molte volte non è quello di avere un figlio malato, ma la grande solitudine che si avverte per dovere affrontare tutto da soli.
    Bella condivisione anche questa, grazie Miri!

    RispondiElimina