lunedì 3 febbraio 2014

2 ANNI



Italiano, inglese, cinese.

Queste sono state le parole chiave del nostro weekend e della festa di compleanno della Piccola.

Siamo stati a Reading, a casa di amici, a festeggiare la nostra Piccola che cresce e il più piccolo dei loro tre figli.

Entrambi 2 anni.



E’ stato un weekend bellissimo in un ambiente caratterizzato da un miscuglio di lingue e di culture.

Gli amici? Lui italiano, lei cinese, i tre figli, che crescono in un ambiente inglese, un mix perfetto.



Li guardavo intorno al tavolo, tutti e 5, tutti dai 6 anni in giù, giocare, parlare, raccontare, ridere e cantare.

E giocavano in italiano.

E poi passavano all’inglese.

E poi usciva anche qualche parola in cinese.

E il gioco continuava.

E io li ammiravo.



Sabato sera la festa per i due più piccoli.

E una torta fatta a più mani.

Ognuno di noi ha preparato un dettaglio colorato per la torta.

Una torta doppia.

La Piccola ha avuto le sue pecorelle perché la canzone che, in questo momento, canta all’infinito è “Baa baa black sheep”.
Il nostro tormentone.
La canta al mattino, la canta al pomeriggio, la canta alla sera.
E la canta in inglese.

E poi il regalo.
Dai due anni si ha diritto ad un bagaglio a mano sull’aereo.
Mr.F. era contento che, finalmente, avevamo 10 kg in più preziosi per tornare a casa con i voli low cost.
Ma io non l’ho ascoltato.
Alla mia piccola viaggiatrice ho preso la sua prima valigia.
Una valigia che non conterrà mai 10 kg.
Un trolley da viaggio per i più piccoli che possono sedercisi sopra, usarlo come triciclo o farsi trasportare tra un gate e l’altro dell’aereoporto.
Il trolley del Gruffalo.


La Piccola è stata felicissima del suo regalo.
Il Grande l’ha trasportata in giro per casa per tutta la sera.
Mr.F. se ne è fatto una ragione e mi ha detto “E’ una valigia meravigliosa!”.

Ieri, tornando verso il Nottinghamshire, complice un’incredibile giornata di cielo blu, ci siamo fermati mezza giornata a Oxford.

Stay tuned!

Nessun commento:

Posta un commento