mercoledì 19 marzo 2014

LITTLE MEMO



Per i suoi 2 anni, la Piccola, ha ricevuto dai nonni un gioco molto divertente.
Little Memo.
Una specie di memory per i più piccoli.

Il gioco è molto semplice.
Sul tavolo si devono mettere in ordine sparso i 9 animaletti che si trovano all’interno della confezione.
Il bambino deve memorizzarli tutti e poi chiudere gli occhi.
Con una scatolina si copre uno degli animali e il bambino, una volta aperti gli occhi, deve indovinare quale animale è stato nascosto.
Se indovina, vince un gettone.
Il giocatore con più gettoni a fine partita vince.



La Piccola ha delle tempistiche tutte sue per giocare, ma si diverte tanto.

Primo step: bisogna dire “hello” a tutti gli animali.
Secondo step: bisogna dar da mangiare a tutti gli animali un gettone.
Terzo step: il gioco vero può cominciare.
 

Who’s missing?
Quale animale si nasconde sotto la scatoletta?

PS: Aggiornamento sull’apprendimento della lingua inglese da parte della Piccola.
Il suo vocabolario aumenta a dismisura.
Al colore purple (e non c’è verso di farle dire viola!), alla parola hello e bye bye  si sono aggiunti questi vocaboli:
 daddy (e non è più papà)
three, four, five, six (one, two non le piacciono e in italiano non sa ancora contare)
hat (sì, cappello!)
come up (e sa essere molto insistente)
mine (e ogni gioco diventa un ‘mio’)
yep (e non è più sì)
nou (e non è più no)
Gli ultimi due sono slang e li pronuncia con l’accento locale.
Forse ci vorrebbe anche un asilo nido in lingua italiana!




2 commenti:

  1. Ma no Miriam! Lascia che tua figlia impari l'inglese a scuola e continua a parlarle in italiano a casa. Vedrai che, sì ci saranno inizialmente chissà quanti errori d'interferenza fra le due lingue, ma fra qualche anno tua figlia sarà perfettamente bilingue. Fantastico!
    Grazie per il tuo commento. Sei molto cara.
    Un abbraccio,
    Rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, hai ragione...è una grande fortuna! Solo che ora che nella stessa frase mischia le due lingue è molto divertente e mi chiede come faccia a dividerle un giorno. Ma so che ci riuscirà benissimo.
      un abbraccio,
      miriam

      Elimina