lunedì 3 marzo 2014

WOLLATON PARK and WOLLATON HALL



Al confine con il campus universitario dove lavora Mr.F c’è un enorme parco con, all’interno, una grande villa elizabettiana.

Wollaton Park e Wollaton Hall.

Entrambi sono visitabili gratuitamente tutto l’anno.

Il parco è perfetto per dei picnic, per correre, per giocare a calcio o a cricket, per addestrare cani o semplicemente per passeggiare.
Al suo interno, un’enorme recinzione, separa una zona dedicata solamente ai cervi che vivono nel parco.
Al centro si trova il laghetto.
E, quando parliamo di lago, parliamo anche di centinaia di animali che lo popolano.


Il parco circonda e ingloba una piccola collina.
In cima alla hill si trova la Villa.
Una spettacolare magione appartenuta a Sir Francis Willoughby e completata nel 1588.
Il Grande ha voluto portare con sé il suo pallone da calcio per inaugurare le sue scarpe nuove e, senza lamentarsi mai, ha percorso, correndo in salita, tutto il prato che portava all’ingresso della villa.
Io e Mr. F. gli siamo stati grati del fatto che non gli sia mai scappata la palla dai piedi finendo in fondo alla collina nel lago!


All’interno della villa si trova il museo di storia naturale.
Per i bambini, al costo di 1 sterlina, è possibile acquistare dei libretti che li fanno appassionare alle stanze del museo attraverso una caccia ad oggetti e ad animali.
Alla fine del tour, dopo aver risposto a tutte le domande e trovato tutti gli animali descritti nel libretto, si riceve un premio.
Il Grande si è divertito come non mai.


La Piccola era tutto uno stupore.
Era la prima volta che vedeva tanti animali imbalsamati e correva continuamente a destra e a sinistra gridando Hello a tutti.
Poi ha visto un gorilla di nome George ed è andata avanti per dieci minuti a salutarlo “Hello George”.
Prima di andare via gli ha anche gridato “Bye bye George”.
Il gorilla è uno dei suoi animali preferiti, lo sapevamo già!


Alla fine della nostra visita al museo era previsto un picnic.
Avevamo preparato tutto, dal cibo, alle bevande calde e fredde, alla frutta, al dolce. Avevamo con noi anche il caffè.
Ma la pioggia non ci ha risparmiati.
All’inizio erano solo due gocce e abbiamo provato ad iniziare il nostro pic-nic sul tavolino.
Ma le due gocce si sono trasformate.
E siamo corsi in macchina a finire il nostro pranzo.


Mamma, il pic-nic in macchina è proprio divertente!

Desideravo tanto farlo.

Ci vuole davvero poco e i bambini sono contenti.
 

 
 
 
 




 

 

Nessun commento:

Posta un commento