giovedì 14 agosto 2014

Una passeggiata a LOCARNO



Qualche giorno fa abbiamo deciso di passare qualche ora a Locarno, in Svizzera.
Da Domodossola, parte un piccolo treno che porta in Svizzera passando attraverso vallate, strapiombi e paesaggi affascinanti.
E’ la Vigezzina o la Centovallina.
Una linea ferroviaria che ha quasi 100 anni.


Il Lago Maggiore ci accoglie poco distante dalla stazione e ci fermiamo per pranzare sulle panchine presenti lungo il lago.
Ci sono uccelli, pesci, barche che partono e barche che arrivano.
E si sta fermi per un po’ a guardare l’acqua sbattere contro il molo.

Dopo pranzo passeggiamo per la cittadina.
Una cittadina molto carina, ricca e colorata.
Piena di turisti e di villeggianti attirati anche dal Festival del Film che, come ogni agosto, viene ospitato da Locarno.
Quest’anno é la sessantasettesima edizione.
Il simbolo del festival é il leopardo e i colori giallo e nero sono ovunque in tutta la cittadina.
Nei negozi e nelle vetrine, nelle aiuole, nelle vie, nelle piazze.
Il Grande e la Piccola fanno a gara a chi vede un numero maggiore di leopardi.
Ce ne sono ovunque.
Disegnati anche sui cestini delle pattumiere.
La Piazza Grande ospita il mega schermo dove ogni sera viene proiettato un film.

Ci allontaniamo dalle vie principali per curiosare quello che Locarno nasconde e troviamo un piccolo bar.
Tutti fermi per un caffé.
Un locale molto carino e particolare.
E’ un bar.
E’ un bed e breakfast.
E’ una galleria d’arte.
E’ un negozio di moda e di oggetti ricercati.
Il giallo e il nero é rimasto nelle vie principali, in Piazza Grande.
In questo caffé tutto é bianco e nero. E di varie tonalita’ di grigio.
Consigliatissimo.

Un’ultima sosta alla fontanella e si ritorna in stazione.
Altro trenino.
Valli e vallate.
E si torna a Domodossola dove avevamo lasciato la macchina.

Ferrovia vigezzina o centovallina: www.vigezzina.com
Festival del film di Locarno: www.pardolive.ch
 

2 commenti:

  1. Scusami Miriam, ma prima o poi te lo dovevo dire...
    la tua bimba ha capelli favolosi!
    In U:K. stenteranno a credere che sia italiana !
    ciao ciao
    Rossella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rossella!
      Qui in Italia mi fermano in tanti per strada quando la vedono. Pensavo che in Inghilterra potesse passare piu' inosservata, ma in realta' mi fermano anche li', sempre. Per strada, al supermercato, a scuola ...:)
      Un abbraccione e tanti auguri per la tua fine gravidanza...non manca pochissimo,ma neanche tantissimo!
      Miriam

      Elimina