giovedì 4 dicembre 2014

Ad ognuno il proprio verso



L’altro giorno giocavo con la Piccola ad un gioco che la nonna ci aveva regalato tempo fa.
Ci sono diversi animali e, tra loro, una ranocchia verde.
La Piccola la prende in mano, la fa saltare e dice ribbit-ribbit.
Mi ero dimenticata, ma, la rana inglese, non fa crack crack.

Molti animali, in inglese, hanno suoni diversi dagli animali italiani.
E la Piccola fa un po’ di confusione.




Il cane fa woof woof, non farà mai bau bau.
La gallina fa cluck. Niente coccodè.
La pecora fa baa baa. Non dite bee bee.
Il gufo fa to whit to whooo. E non ho idea di come faccia in italiano.
L’uccellino fa tweet tweet. Nessun cip cip.
Il gallo fa cock-a-doodle-doo. Forse più complicato di chicchirichì.
Il topo fa squeak squeak. Mi sembra che quello italiano faccia squit squit.
Il cavallo fa neigh neigh. Non hiiihiiiii.
L’ape fa buzz buzz. Quella italiana fa solo zzz, zzz, credo.

La cosa che mi diverte ascoltando i miei bimbi non sono solo i versi degli animali.
I suoni, in genere, sono molto diversi.

Se la Piccola si fa male e cade, non dirà mai Ahi, ma Ouch.
Se la Piccola fa finta di starnutire, non dirà mai Etciù, ma Atishoo.

Proprio come il riccetto nella foto del libro ‘Splosh’ di Mick Inkpen.
Libro che mi ha aiutata a imparare alcuni di questi suoni diversi del mondo inglese.
Ma chissà quanti altri ce ne sono da scoprire.

E’ da notare anche che gli inglesi sanno benissimo come fa il coccodrillo.
Non come gli italiani, che disperati per non sapere che verso fa il coccodrillo, hanno scritto una canzone sull’argomento.
Il coccodrillo inglese fa snap snap.
Molto semplice.

Lo scorso anno, invece, avevamo scoperto che, i norvegesi, non sanno assolutamente quale è il verso volpe.
Anche loro hanno scritto una canzone sull’argomento.

Forse bisognerebbe trovarsi tutti da qualche parte e scambiarsi delle informazioni.
 

4 commenti:

  1. E' stata la prima cosa che mi ha colpito appena la mia piccola ha iniziato la scuola, i versi degli animali tutti diversi . Il gallo e' tostissimo ... E adoro Auch .... Non sapevo la storia della volpe.,.. Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. È vero..alcuni suoni sono davvero divertenti! Poi quando i nostri figli li pronunciano con accento locale...allora è la fine!;)

    RispondiElimina
  3. O ma quanto è bello questo post??? Mi ha divertito tanto ed ho imparato un sacco di versi che non sapevo! Brava Mriam grazie!

    RispondiElimina
  4. La prima volta che li sentivo mi veniva da ridere...diversi? Come è possibile? Eppure...:)

    RispondiElimina