giovedì 19 febbraio 2015

Figlio unico per un giorno, anzi due

Il Grande è a casa da scuola per il break scolastico.
La Piccola, invece, frequenta la sua pre-school come sempre.
Questa settimana, il Grande può fare il figlio unico per tre mattine intere.
E gli piace, eccome se gli piace.

La prima mattina è stato un momento speciale con me.
Abbiamo lasciato la Piccola a scuola e siamo andati in centro Nottingham, in libreria.
Poteva scegliere un libro e poteva metterci tutto il tempo che voleva.
Si è seduto sulla moquette nella sezione dei libri riguardanti le scienze, la storia, gli animali e ne ha sfogliati decine e decine.
Era contentissimo.
Ha scelto il suo libro,ne abbiamo scelto uno anche per la Piccola, e poi ci siamo rifugiati nel bar della libreria per una merenda a due.
Quelle merende speciali che ti ricordi per sempre.
L’avevamo già vissuta questa esperienza durante un vecchio school break, ma è sempre un’emozione.
Per lui e per me.

La seconda mattina è stato un momento speciale con il papà.
Forse ancora più speciale che quello con me.
Il Nottingham Forest, la squadra di calcio del Nottingham, ogni anno organizza un evento chiamato “Super Seven” in cui si invitano tutti i bambini che frequentano l’Year 2 ad assistere ad un allenamento della squadra allo stadio.
I bambini ricevono anche, in omaggio, la maglietta ufficiale della squadra (sempre molto ambita!) e un ingresso ad una partita.
Il Grande ha partecipato a questo evento con Mr F. che si è preso la mattinata libera per stare con lui.
E’ tornato al settimo cielo.
Mamma, ho toccato la coppa campioni!
In una stanza laterale era esposta una delle due coppe campioni vinte dal Nottingham Forest anni fa.
I bambini potevano entrare nella stanza uno alla volta e toccarla, senza sollevarla.
E fare foto, tante foto ovviamente.
La vera felicità costa poco. Se è cara, non è di buona qualità.
 François-René de Chateaubriand

7 commenti:

  1. Bellissimo! Sono momenti importanti e necessari. In questo dovrei impegnarmi di piu' per crearli con i miei tre, ma spesso non e' facile. Me lo mettero' come obiettivo dei prossimi mesi. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po alla volta..con tre ovviamente è più complicato..ma per loro è davvero bello! Anche solo una cioccolata! Non ho dubbi che riuscirai...;)

      Elimina
  2. E' una cosa che ho provato anch'io purtroppo solo un paio di volte perché per chi come noi è lontano da tutti è difficile creare degli spazi dedicati. Solo in quelle poche occasioni, dopo la nascita del secondo, ho potuto ritrovare la complicità con mio figlio che ha magicamente preso il posto della conflittualità e gelosia che ci sono sempre quando siamo tutti insieme. I miei frequentano la stessa scuola e quindi sono a casa entrambi questa settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per noi questa è la seconda volta e mi va bene perchè la più piccola va al nido. Quando andrà a scuola con lui sarà più difficile. Però sono momenti preziosissimi, anche se molto pochi! Godiamoceli!

      Elimina
  3. Anch'io sto cercando di godermi i bambini in maniera separata. Ad esempio ho iscritto il grande, che adora la musica, ad un corso di musica il venerdì pomeriggio, quindi io e lui andiamo al corso mentre il piccolo si gode la nonna.
    Fatico molto a separarli, ma mi rendo conto che fa bene a loro come fa bene a noi. Avere il figlio unico a rotazione è bello, ti regala nuove emozioni e ti permette di aumentare la complicità e li rende un po' speciali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello fare un corso di musica insieme! Sono momenti che si ricorderanno per sempre, non ho dubbi! :)

      Elimina