giovedì 5 marzo 2015

World Book Day

Il World Book Day o International Book Day è un evento annuale organizzato dall’UNESCO con lo scopo di promuovere la lettura a tutti i livelli.
In tutto il mondo viene festeggiato il 23 aprile.
Quasi in tutto il mondo.
In Gran Bretagna e in Irlanda, questo evento è festeggiato il primo giovedì di marzo in modo tale che non si sovrapponga con nessun break scolastico.

Il Grande deve portare a scuola il suo libro preferito e travestirsi da protagonista. I travestimenti, si è ormai capito, in UK, vanno per la maggiore.

In più, il Grande dovrà portare a scuola uno o più libri da scambiare con gli altri bambini. Consegnando alla maestra il proprio libro usato gli verrà dato in cambio un gettone con cui potrà “comprarne” uno “nuovo” nella libreria che verrà appositamente allestita in salone. 

Siamo tutti in fermento. Il Grande ha scelto “l’isola del tesoro” di Stevenson che abbiamo letto e riletto tante volte.
Lui sarà Jim, piccolo pirata per caso.
Devo dire che è mi è andata bene, il vestito del pirata è un grande classico!

Oggi, in giro per il paese, tutti i bambini sono travestiti da un personaggio di un libro.
Passeggiando sembra di vivere dentro mille favole in un colpo solo.
Ogni bambino travestito ha in mano un libro.
E devo dire che la cosa è parecchio affascinante.

Questa tradizione è così sentita che oggi ospitiamo anche Mirella, un’altra mamma alle prese con questo evento scolastico.
Ve la presento tramite un’intervista.

Dove vivi e che classe frequenta tuo figlio?
Da circa due anni, io e famiglia, viviamo in Irlanda. Gattila frequenta la classe di Junior Enfant. Qui, come in tutti i paesi anglosassoni, la scuola inizia prima. Junior Enfant quindi risulta essere un mix tra la prima elementare ed il nostro asilo.  

La scuola che frequenta cosa ha in programma per l’International Book Day?
Qui l’International Book Day e' molto sentito, anzi, a dire il vero, tutto quello che ruota intorno alla lettura lo e'. Per questa bella iniziativa la scuola di mio figlio ha organizzato due giorni ricchi di attività. Per prima cosa, tutti i bambini, sono invitati a portare in classe il loro libro preferito. Ai genitori e' stato chiesto di creare un costume, rigorosamente fatto in casa, che rappresenti il personaggio da loro più amato. Il costume, o i costumi più belli, verranno premiati. Tutte le attività scolastiche della giornata ruoteranno intorno ai libri, alla condivisione di nuove storie e al divertimento per i piccoli lettori in erba.
Come forse già sapete, in Irlanda esiste una grossa comunità internazionale. La classe di mio figlio e' probabilmente composta per il 50% da nativi e per il rimanente 50% da un mix di altre nazionalità. Per questo motivo, i maestri hanno invitato i genitori a partecipare alla giornata presentando e leggendo un libro nella propria lingua originale. I bambini verranno divisi in piccoli gruppi e potranno ascoltare storie in diverse lingue. Le scuole sono sempre pronte ad esaltare le varie culture e costumi e questa è l'ennesima fantastica iniziativa che dimostra il loro grande impegno verso l'integrazione e l'accettazione di culture, religioni e tradizioni diverse dalla loro.
Per finire in bellezza, durante il pomeriggio di Venerdi, verrà allestita una piccola fiera del libro. I bambini saranno incoraggiati ad acquistare libri. Parte del ricavato verrà dato alla scuola che, non essendo totalmente finanziata dalla Stato Irlandese, spesso necessita di aiuti da parte delle famiglie e della comunità.

Che libro ha scelto e perché?
Il mio piccolo Gattila ha sempre avuto un grande interesse per animali e fenomeni naturali. Il suo libro preferito e' The Animal Book: a Visual Encyclopedia of Life on Earth di Margaret Parrish. Detto questo, dopo aver rovistato nella sua libreria, ha scelto Solomon Crocodile di Catherine Rayner, The Crocodile who didn't like water di Gemma Merino e Are the Dinosaurs dead, Dad? di Julie Middleton. Vedremo la mattina stessa quale sara' il vincitore assoluto tra i tre!

In che personaggio del libro ha deciso di travestirsi?
Per mia fortuna tutti e tre i libri prescelti hanno come personaggio principale un Coccodrillo/Drago. :P Fortuna, no?

Ci racconti come è stata la preparazione del costume per te e per lui?
Gattila e' tornato a casa eccitatissimo a seguito della piccola introduzione sul programma scolastico di questi giorni. La notizia di dover creare un costume, e di non poterlo acquistare, sinceramente mi ha presa alla sprovvista e gettata, inizialmente, nel panico più totale. Faccio fatica ad attaccare un bottone e, da bambina, ho sempre rifiutato le richieste della mia adorata nonna di imparare tutte quelle cose che ruotano intorno alla gestione di una casa. Detto questo, non potevo certo rifiutarmi. E cosi, armata di computer e Pinterest ho cercato idee abbastanza facili. Non avrei mai immaginato che si potessero trovare interi tutorial su come creare un costume da Coccodrillo.
Sabato, con tutta la famiglia, siamo andati a cercare i materiali necessari. Dopo pranzo, armata di forbici, carta e pistola per colla a caldo, ho iniziato la mia opera. Ogni tanto Gattila e la sorellina minore Minu mi venivano a controllare. Dopo un weekend di lavoro intenso e poco, anzi pochissimo sonno (credo di aver fatto le 3 sabato notte), sono riuscita a finire il primo di quello che so sarà una lunga lista di costumi fatti in casa per la festa del libro. Gattila, una volta visto il muso di Cocco, e dopo aver provato la versione praticamente finita, mi ha ripagata con un grosso sorriso, tanti salti di gioia ed un ‘Grazie Mamma che mi hai fatto il costume! Grazie, Grazie sei stata bravissima!’ Ok qui la lacrimuccia velata e' scappata... che dire sono una mamma sciocca!
Ora, finito il coccodrillo devo pensare alla Lumaca (strettamente ROSA) per Minu. Lei si e' ispirata al libro The Snail and the Whale di Julia Donaldson . Anche se e' piccola, non posso assolutamente non esaudire anche la sua di richiesta, non vi pare?

8 commenti:

  1. Ma è bellissimo! Non conoscevo questa iniziativa, anche se nella casa precedente abitavo davanti ad una scuola e ogni tanto vedevo bambini travestiti e mi chiedevo quale fosse l'occasione di tale costume(ma qui in UK lo fanno anche nei giorni "Normali" giusto?).
    Complimenti a Mirella: quel coccodrillo è eccezionale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Clyo, in UK travestirsi è davvero la norma. Ero rimasta stupitissima da questa cosa al mio arrivo qua, mi sembrava sempre carnevale! Ma oggi viene fatto con un libro in mano e la cosa è davvero carina... :)
      Mirella è stata fantastica, ho visto la lumachina per la piccola di casa e ti posso assicurare che ha fatto un capolavoro anche per lei!

      Elimina
  2. Bellissimo e complimenti per il lavorone fatto a Mirella, ed anche a te Miriam! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mirella ha fatto un lavoro da manuale! :)

      Elimina
  3. Adoro il world book day, ricordo ancora con il sorriso gli anni passati in cui i miei figli si sono travestiti e hanno portato a scuola il loro libro preferito. Quanto mi manca il Kuwait!
    Fantastici travestimenti!!! Grazie per l'idea del libro L'isola del tesoro, piacerà sicuramente ai miei bimbi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima,mi sembra però che ci sia un'altra meta molto particolare all'orizzonte! ;) L'isola del tesoro .. un'intramontabile classico! Ultimamente me lo sono riletto anche io...versione originale però! ;)

      Elimina
  4. Post bellissimo e interessante, grazie! Complimenti a Mirella per il costume da coccodrillo veramente impeccabile. Se avesse avuto familiarità con il cucito non avrebbe potuto far di meglio!
    Che fantastica festa! E l'immagine delle vie del paese brulicanti di bambini mascherati con libri in mano davvero suggestiva. Scalda il cuore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Hai ragione, il costume da coccodrillo è meraviglioso! Oggi sembra di essere in un film un po' particolare ... ;)

      Elimina