martedì 1 settembre 2015

RICOMINCIO con un premio


In agosto, ho ricevuto il Liebster Award da due lettrici, Claudia e Disorientata. 
Non ho risposto subito per non fare le cose di fretta, ma ho pensato di ricominciare questo nuovo anno con queste due interviste.
Questo premio permette di conoscerci un poco di piu’ attraverso domande proposte da coloro che ci hanno consegnato il premio.



Ecco le mie risposte!
  

La prima intervista mi e’ stata fatta da Claudia del blog Un’Alessandrina in America.


Che spazio ha il tuo blog nella tua giornata?
E’ iniziato tutto come un gioco e si e’ fatto sempre piu’ spazio. Ci sono giorni che lo trascuro e giorni che mi impegna parecchio. Sicuramente e’ un hobby impegnativo e non ci avrei creduto prima di iniziare a scrivere.

Vivi in un luogo dove vorresti restare o da cui vorresti scappare?
Vivo in un luogo che mi piace molto al centro dell’Inghilterra. Non so il futuro dove mi portera’, ma questo e’ il posto giusto al momento giusto. E’ il mio posto ora e io ci sto bene.

La tua famiglia legge quello che scrivi, capisce la tua voglia di scrivere e la sostiene?
Sono molto legata alla mia famiglia che mi legge sempre. E mi sostiene sempre. In tutto. Sono molto fortunata.

Che interessi hai al di fuori della scrittura?
Mi piace molto leggere, viaggiare, cucinare, esplorare, camminare e stare con i miei bambini e con mio marito.

Perche’ scrivi?
Perche’ voglio far vivere alla mia famiglia lontana ed ai miei amici rimasti in Italia quello che vivo io qua. Mi sembra di ridurre la distanza. Poi voglio lasciare un ricordo ai miei bambini, della loro vita da bimbi espatriati. E poi perche’ mi piace.

Qual e’ l’argomento che hai trattato nel tuo blog che ti ha dato piu’ soddisfazioni?
Mi piace mostrare posti inglesi poco noti, adatti a gite fuori porta e mi emoziona raccontare i progressi che i miei figli fanno ogni giorno alla conquista di questo mondo anglosassone.

Qual e’ l’argomento piu’ controverso che hai trattato nel tuo blog?
Non mi piace scrivere post che so gia’ che porteranno a discussioni. Ci sono tanti blog che lo fanno e lo fanno molto meglio di come lo farei io. Spesso in rete la discussione e’ gratuita. Raramente e’ costruttiva. Le discussioni le tengo per gli amici che mi dicono le cose che non vanno perche’ mi vogliono bene.

Quando scrivi, scrivi per te stessa o con in mente una tipologia di lettore?
Scrivo tanto per me stessa, ma mi piacerebbe essere letta da persone che hanno voglia di buttarsi in un’esperienza all’estero. Mi piacerebbe trasmettere loro la sensazione che questa esperienza e’ fattibile. Ci vuole tanto impegno, ma ci si puo’ riuscire.

Sei soddisfatta di te stessa?

Si’. Due anni fa ho lasciato tutto, famiglia, amici e un bel lavoro per seguire mio marito in questa avventura all’estero.  A due anni dal nostro trasferimento mi sento realizzata come mamma, come professionista e come persona. Sono cresciuta tanto e rifarei ogni cosa.

Se avessi la bacchetta magica c’e’ un luogo dove vorresti essere ora o una persona che vorresti trovarti davanti?
Vorrei fare una seconda luna di miele. Visitare il Canada e avere con me, come compagno di viaggio, solo mio marito. Solo per pochi giorni ovviamente!
 

La seconda intervista mi e’ stata fatta da Disorientata del blog L’Essenziale e’ invisibile agli occhi.
  



Hai un momento della giornata che dedichi a scrivere? Se si’ quale?
Scrivo in genere la sera, quando tutti dormono e io mi prendo un po’ di tempo per me.

Quali sono i tuoi hobby?
Come dicevo nell’intervista precedente mi piace molto leggere, viaggiare, cucinare, esplorare, camminare e stare con i miei bambini e mio marito.

Cosa fai per ricaricare le tue energie?
Se ho tempo per farlo, mi piace uscire e camminare. Nella natura sarebbe ideale. Si ricaricano piu’ velocemente!

Qual e’ il viaggio piu’ bello che hai fatto?
Ce ne sono diversi. Una dei piu’ belli e’ stato pero’ il viaggio on the road in Norvegia fatto con mio marito e con il nostro primo bimbo quando aveva 11 mesi.

Qual e’ l’ultimo libro che hai letto? Ti e’ piaciuto?
Sto leggendo Watching the English di Kate Fox. E si’, mi sta piacendo.

Quale libro avresti voluto scrivere?
Mi piacerebbe avere il talento per scrivere libri per bambini, o meglio, mi piacerebbe saperli illustrare. Ma non ne sono capace.

Se potessi scegliere liberamente, quale sarebbe la meta del tuo prossimo viaggio?
Come dicevo nell’intervista precedente, mi piacerebbe visitare il Canada.

Quale e’ un luogo che ami particolarmente e perche’?
Amo le montagne dove sono sempre andata durante la mia infanzia. Ci sono luoghi in quelle montagne che mi raccontano e mi ricordano storie passate e attimi meravigliosi vissuti da bambina.

Qual e’ un regalo che vorresti ricevere?
Del tempo. Siamo sempre di corsa, il tempo, per me, e’ un regalo prezioso.
Se poi vogliamo essere concreti, allora un albero di Natale per la nostra casa inglese e un bel presepe con tante statuine da costruire insieme nei primi giorni di dicembre.
 



Si ricomincia, ne ho voglia e sono pronta.
Buon “nuovo anno”!
 

8 commenti:

  1. Bentornata ed e' stato bellissimo leggere queste tue interviste (complimenti a chi ha fatto le domande ;) ). Devo ammettere che qualche tua risposta la sapevo gia'...vuol dire che ormai ti conosco bene? Un abbraccio immenso e niente e' impossibile...per cui mettiti a disegnare! ;)

    RispondiElimina
  2. GRAZIE! Disegnare la vedo dura, non ho proprio talento. Fortunatamente mio marito e' davvero bravo e spero tanto che i bimbi prendano un po' da lui ... io posso provare a fare qualche timido abbozzo ... ;)

    RispondiElimina
  3. belle risposte!!! grazie per acer accettato il premio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Claudia per avermelo inviato! ;)

      Elimina
  4. Belle interviste :)
    E viva i blog senza discussioni, personalmente dò 10 punti al blog anche solo per questo!
    Non so se mi dà più fastidio la gente che bisticcia gratuitamente in rete o fuori dalla rete.
    E mai che abbia visto una discussione portare a un qualcosa di utile, mai che qualcuno abbia cambiato un opinione, ognuno resta della sua, e tanti insulti nel mezzo.
    Curiosità, se posso:
    e la prima luna di miele dove l'avete fatta ?
    Io rispondo per prima, non l' ho fatta proprio, aimè.
    a presto
    Rossella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rossella!
      La mia prima luna di miele l'ho fatta on the road in Finlandia... come puoi aver capito, il freddo non mi spaventa! ;)
      Anche se ieri qua c'erano 11 gradi ed era il 31 agosto!
      Un abbraccio,
      Miriam

      Elimina
  5. Sono tornata anch'io dalle vacanze, grazie per avere risposto alle mie domande! Ad alcune avrei risposto anch'io allo stesso modo ;)

    RispondiElimina