mercoledì 7 febbraio 2018

E sono SEI


Ti sei svegliata venerdi mattina che avevi sei anni. 
Hai dovuto usare due mani per farmi vedere quanti anni compivi. Due mani. Sono tante.
Eri felice ed emozionata come sempre sei il giorno del tuo compleanno.
Sapevi che, scendendo le scale e arrivando in sala, avresti trovato tutto addobbato per te. Non stavi piu’ nella pelle.
E guardarti scendere le scale emozionata, e’ stata un’emozione ancora piu’ forte.




C’erano gli addobbi, i regali, i fiori e la tua spilletta da Birthday Girl da indossare a scuola. E tu salterellavi ancora un po’addormentata e felice. Ci siamo tutti alzati mezz’ora prima quel giorno per goderci un piccolo attimo di festa di famiglia prima della routine scuola-lavoro.


 
Quest’anno hai deciso di festeggiare in casa con le tue amiche. 
Abbiamo preparato insieme un Baking Party e le Party Bag che contenevano un mattarello, un grembiule per cucinare e una formina per fare i biscotti. 
Eri contenta di questa festa in cui sia io, che il tuo papa’ che il tuo fratellone siamo stati coinvolti al 100% intrattenendo le tue amiche, facendo cucinare loro i biscotti, infornandoli, decorandoli con voi.
E’ stato impegnativo, molto, tutta la sala era piena di zucchero a velo, profumo di biscotti e risate.
Sono le risate che mi sono rimaste nel cuore e le vostre chiacchiere per terra mentre mangiavate la vostra merenda.
Siete state eccezionali.
La sera eri stanca, distrutta, ma serena.
Quella serenita’ che vorrei avessi sempre a sei anni e anche a cento.
Non hai idea di quanto ti vogliamo bene.

Nessun commento:

Posta un commento